Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
Il nuovo decreto legge e la zona gialla riaprono al calcio: si può tornare a giocare!
Un primo passo verso il ritorno in campo, mentre il Crl spera nei tornei giovanili
Nessun commento
Mar 27 Aprile 2021 08.00
Dopo mesi di divieto si può tornare a giocare a calcio
Como,

L’ultimo decreto legge, combinato al ritorno in zona gialla della nostra regione, ha riaperto da lunedì alla pratica del calcio e più in generale agli sport di contatto all’aria aperta, allenamenti collettivi compresi.

Dopo mesi e mesi dove lo sport più diffuso e praticato nel Paese era stato vietato alla stragrande maggioranza dei tesserati – e non solo – per contrastare la pandemia, da oggi si può tornare a giocare a calcio nel vero senso della parola. Si può tornare a giocare una partita, anche se per ora sarà d’allenamento o tra amici al campetto, ma finalmente si può tornare a correre dietro al pallone, a calciarlo e a festeggiare assieme un gol.

 

 

Si tratta di un piccolo grande passo verso la ripartenza di tutto il movimento calcistico, dilettanti e giovanile. Una ventata di gioia e speranza soprattutto per i più piccoli dopo un periodo davvero difficile, dove l’unica valvola di sfogo erano state, a singhiozzo, le sedute d’allenamento individuale.

Resta vietato ancora vietato l’uso degli spogliatoi, come ha sottolineato anche il Comitato Regionale Lombardia della Lnd-Figc in una nota, con la quale ha anche ricordato alle società che resta in vigore il protocollo sanitario dello scorso agosto.

Comitato che attendeva questa “riapertura” e che si è ritrovato per fare il punto sulla situazione dell’attività, come confermato dal consigliere comasco Mario Tavecchio: “Il Crl si è fatto promotore per avere una linea chiara ed univoca da parte del Sgs ed è atteso per martedì (oggi, ndr) un comunicato Figc-Sgs nazionale che disciplini autorizzazioni e modalità di svolgimento sia delle amichevoli che dei tornei di Società”.

Se la stagione dei dilettanti è già stata annullata e conclusa, a livello giovanile lo stop definitivo non è ancora arrivato. Uno dei motivi è quello di provare a lasciare un segno sul finire di questa stagione, con qualche manifestazione ufficiale. A quanto pare, ed è quello al quale sta lavorando il Crl, con un torneo o più probabilmente con una coppa.

“È importantissimo che le squadre di settore giovanile ripartano quanto prima in competizioni – ha aggiunto il consigliere Tavecchio-, seppur sotto forma di amichevoli e tornei, ma è altresì importante che ciò avvenga nella massima sicurezza, sia per gli atleti ed i loro familiari sia per le responsabilità dei dirigenti e presidenti di società”. Ovvero senza aggirare le norme, oltrepassando ad esempio quel “preminente” interesse nazionale, come invece ha provato a fare qualche altra federazione (o ente) per tornare subito in campo nonostante le restrizioni.

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
CommentoPuoi essere il primo a commentare questa news
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati