Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
Riunioni Crl - Seconda e Terza categoria: la maggioranza vota per lo stop definitivo
Ma non è un "no" netto come in Prima: c'è anche chi vorrebbe tornare in campo
5 commenti
Lun 25 Gennaio 2021 11.50
Carlo Tavecchio, ha partecipato alla riunione di Terza categoria
Como,

Sabato si sono tenute le riunioni online dei vertici del Crl con le società di Seconda e Terza categoria. Anche qua con un unico argomento: la possibile ripresa dei campionati. E' stata illustrata la formula prevista (che - come per le altre categorie - consisterebbe in un girone di sola andata con una promozione e nessuna retrocessione, da chiudere entro il 2 giugno) e poi chiesto un parere alle società.

 

 

Parere quasi unanime per tutte, quasi tutte hanno bocciato l'eventuale ripartenza preferendo concentrarsi sulla prossima stagione. Ma qualche eccezione c'è stata: se nella riunione di Prima categoria non c'era stata letteralmente nessuna società che avesse manifestato il concreto interesse nel tornare in campo, tra Seconda e soprattutto Terza qualcuno (nessuno tra le comasche) ha detto chiaramente di augurarsi una ripresa.

Sono intervenute anche alcune società comasche, tra le quali il Novedrate, la Libertas San Bartolomeo e l'Alto Lario, il cui presidente Segantini (medico di professione) ha contestato duramente l'idea di tornare in campo. Tra le società di Seconda categoria sono emerse anche alcune proposte interessanti, come quella di proseguire a settembre e sino a gennaio l'attuale stagione o quella di fare gironi più corti per avere una maggior pausa invernale, stile Svizzera.

La riunione di Terza categoria ha visto anche la presenza di Carlo Tavecchio in persona (assente in quella di Seconda) che salutando le società presenti ha ricordato quando nel 1976 iscrisse per la prima volta in Terza la sua Pontelambrese. Il presidente del Crl, nel suo saluto finale, ha poi promesso a tutte le società tutto il suo impegno per risolvere le problematiche in vista della ripartenza, quand'essa sia.

E' doveroso ricordare in conclusione di come, nonostante l'idea delle società dalla Promozione alla Terza sia abbastanza chiara (non ripartire) la decisione finale sarà quella della Lnd, che non verrà certo presa in tempi brevi. Scordiamoci insomma un comunicato ufficiale imminente che metta fine alla stagione, come auspicato da più di una società.

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
Il giorno 25/01/2021 alle ore 12.40 morbidelli2017 ha scritto...
CommentoLe società in linea di massima hanno detto '' si riprende se ci sono le condizioni a Settembre''

Ipotesi, la Lega di no in primavera si riprende.

Se si ammalano delle persone anche seriamente considerando che i giocatori sono giovani ma tutto il personale che ruota in torno nella stragrande maggioranza non lo è.
Chi si assume le responsabilità civile e penale, chi paga anche eventuali danni causate alle persone ?
Il giorno 25/01/2021 alle ore 13.18 pippogol ha scritto...
CommentoQuindi niente campionati e non si faranno manco i tornei. Basta calcio. VIETATO! tutti chiusi in casa fino al 2025
Il giorno 25/01/2021 alle ore 17.03 udinese ha scritto...
CommentoHanno detto di "SI" solo le società che hanno delle sponsorizzazioni.
Il giorno 25/01/2021 alle ore 23.21 time ha scritto...
CommentoAnnullare la stagione 2020/21 mica riprendere!!!!...I ragazzi non vanno a scuola, i lavoratori non possono uscire a divertirsi con le loro famiglie il weekend e questi pensano a far ripartire i campionati dilettantistici, con zero tamponi e fantomatici protocolli rispettati forse e solo per il primo allenamento....ma non facciamo ridere....è già tanto che giocano in serie C e fanno pure fatica a seguire i protocolli....ANNULLARE LA STAGIONE E CI SI RIVEDE A SETTEMBRE SE SAREMO A POSTO!
Il giorno 26/01/2021 alle ore 11.59 numero9 ha scritto...
Commentoma scusate dopo la porcata dell anno scorso delle promozioni quando mancavano 10 giornate alla fine, adesso la proposta e' di riprendere con una promozione e nessuna retrocessione...la gente gioca a calcio oltre per divertimento anche per raggiungere dei risultati degli obbiettivi ma da quello che propongono e' come partecipare a un campionato come una squadra fuori classifica,giocando 12 partite ma perlomeno riceveranno i soldi delle societa' per iscrizioni etc etc...ma i presidenti devono pagare mesi (con le difficolta' degli sponsor) cosi tanto per giocare...siamo messi proprio male
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati