Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
Serie A2, Cantù ritrova il primato e domenica torna al PalaDesio per affrontare la Jb Monferrato
Lungo post di Johnson su Instagram: "Grazie a tutti, vi spiego perché non mi vaccino"
2 commenti
Mer 26 Gennaio 2022 10.00
Robert Johnson, post di addio (e spiegazioni)
Cantù,

Preziosissima vittoria per Cantù a Torino: con la contemporanea sconfitta di Udine a Biella, la S.Bernardo-Cinelandia Park si è ripresa il primo posto nel girone e domenica affronterà in casa la rivelazione Jb Monferrato.

Intanto Robert Johnson, dopo la rescissione con Cantù - ha firmato in Polonia - sul proprio account Instagram ha parlato della sua decisione di non vaccinarsi, motivo per cui ha dovuto .  

 

 

 

Che bagarre in vetta al girone Verede di serie A2 di basket. Cinque squadre in soli 2 punti, con Cantù tornata in testa, nonostante condivida quota 22 punti con Udine e Pistoia, squadre con cui i briznzoli hanno il vantaggio negli scontri diretti.

Alle loro spalle c’è la Jb Monferrato, a 20: saranno proprio i piemontesi i prossimi avversari della squadra di Sodini, domenica alle 18 al PalaDesio. Completa il quadro delle fuggitive Treviglio, appaiata alla Jb a 20. 

Sono già in vendita i biglietti per la sfida contro i piemontesi. La capienza massima del PalaDesio è scesa al 35%, che potrà ospitare fino a un massimo di 2.275 spettatori in possesso di green pass rafforzato e mascherina Ffp2. Prevendita su Vivaticket.it, in alternativa, è possibile acquistarli in sede a Cermenate venerdì dalle 16 alle 19 e sabato dalle 10 alle 13, oppure direttamente ai botteghini del PalaDesio domenica, a partire dalle 16.30. 

I prezzi: parterre 50 euro, tribuna primo anello 25 euro (ridotto 20 euro), gradinata primo anello 18 euro (ridotto 14 euro), curva e secondo anello 13 euro (ridotto 10 euro).

Intanto, in un lungo post sul proprio account Instagram, l'americano Robert Johnson ha ringraziato società, squadra e tifosi, spiegando i motivi del rifiuto di sottoporsi alla vaccinazione anti-Covid: "In precedenza erano state messe in atto regole in modo che i giocatori che sceglievano di non sottoporsi al vaccino venissero testati all'incirca ogni 48 ore per poter giocare. Ho fatto innumerevoli test, anche tre volte in un giorno. Mai una volta sono risultato positivo, mentre quelli che sono risultati positivi nel nostro campionato erano stati vaccinati". 

Alla fine, è rimasto sulle proprie convinzioni: "Sono stato costretto a rinunciare al mio lavoro perché ho scelto di prendere una decisione che ritengo sia la cosa migliore per me, ossia non vaccinarmi. Perché sono considerato il problema quando sono rimasto in salute? Perché ho dovuto scegliere tra il mio lavoro e la mia libertà di prendere decisioni? Com’è possibile che questo sia ciò a cui potrebbe arrivare il mondo?"

Per concludere con una massima: "Essere risvegliati è avere occhi che vedono. Amore, pace e attenzione attraverso Yahusha il Messia".

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
Il giorno 26/01/2022 alle ore 20.02 collina ha scritto...
Commento"Essere risvegliati è avere occhi che vedono" quanta gente si è portata via il Covid... Ma fin quando non si è direttamente toccati si può dire di tutto.
Il giorno 27/01/2022 alle ore 10.22 cumasch ha scritto...
CommentoEsatto collina !!!
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati