Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
GENITORI ULTRAS/1 - Dopo la rissa di Mariano la Federcalcio lancia l'allarme
Donato Finelli: "Situazione grave, porte chiuse unica soluzione". Mario Tavecchio: "Mancanza di rispetto per il lavoro delle società"
9 commenti
Gio 11 Novembre 2021 11.30
C’è un problema nel calcio giovanile: i genitori ultras
Como,

Genitori ultras, ci risiamo. Non è bastato un anno e mezzo di stop a causa della pandemia a raffreddare spiriti e animi che, giusto il tempo di riprendere l’attività agonistica, si è subito registrato un brutto episodio di violenza tra genitori sugli spalti di una partita di calcio giovanile.

 

 

Sì, per una partita di ragazzini, quella del campionato Giovanissimi Under 14 provinciali tra Mariano e Montesolaro, che lo scorso fine settimana ha visto l’intervento dei carabinieri sulla tribuna del centro sportivo di Mariano Comense (in via per Cabiate), chiamati per sedare una rissa tra genitori. Insulti, minacce, spintoni e non solo. Sì, per una partita di calcio di ragazzini. Ragazzini che a conclusione di un bel pareggio sul campo (4-4) sono usciti tutti assieme, abbracciati, rispondendo col fair-play al vergognoso spettacolo messo in scena da alcuni dei loro genitori.

Amareggiato e disgustato per l’accaduto è il Delegato provinciale della Figc, Donato Finelli, che lancia l’allarme: <<Assurdo. La situazione sta peggiorando, è un disastro! Ogni fine settimana vado su campi e da fuori sento e vedo di quelle cose che non stanno né in cielo né terra – racconta Finelli -. Purtroppo i genitori sono sempre stati un problema, forse un meno anni fa quando c’era più rispetto ed eduzione da parte di tutti>>.

Educazione, rispetto e sani valori sono forse alla base di questi brutti episodi che ogni fine settimana fanno da contorno a tante partite dei campionati giovanili e dilettanti. Momenti di sport e gioia dei propri figli che i genitori vivono invece come pretesto per dar sfogo al loro peggio. Figli che così vengono influenzati negativamente. <<La partita dovrebbe essere una festa – continua il Delegato Figc comasco -, ma è sempre più spesso rovinata da comportamenti scellerati da parte di genitori e addetti ai lavori, anche nei confronti degli arbitri>>. E pure questo dell’insulto sistematico ai direttori di gara è un aspetto, oltre alla pandemia, che sta pesando sulla carenza degli stessi fischietti, fondamentali per giocare una partita di calcio.

Quello del comportamento dei genitori sta dunque diventando un grosso problema, che interessa tutte le classi sociali come fa capire Finelli: <<Mi colpisce vedere genitori che sono persone per bene, colte, professionisti affermati nella vita che però alla vista del rettangolo verde perdono la ragione e sbroccano per la partita di calcio del proprio figlio, per quello che è un gioco>>. Soluzioni? <<Se ne continua a parlare, a organizzare incontri e a dibattere – conclude Finelli-, ma da questo problema purtroppo non se ne esce, se non vietando l’ingresso al campo ai genitori. Ma non credo sia la giusta risposta>>. Partite a porte chiuse che ora il giudice sportivo, in base a quanto refertato dal direttore di gara, potrebbe adottare come sanazione nei confronti di Mariano e Montesolaro.

Sconcertato e deluso anche Mario Tavecchio, consigliere comasco del Comitato Regionale Lombardia che ha così commentato l’accaduto: <<Sono molto dispiaciuto soprattutto per le nostre società, tra l’altro due realtà storiche del territorio come Mariano e Montesolaro. Società che dopo tutti gli sforzi fatti negli ultimi mesi, tra difficoltà economiche, organizzative, protocolli e quant’altro, dopo essere riusciete finalmente a riportare in campo i loro ragazzi sono così state “ringraziate” dai genitori>>.

Un Mario Tavecchio che, come il Delegato Finelli, rimarca: <<Da parte di questi genitori c'è davvero una grave mancanza di rispetto per il grande lavoro fatto dalle nostre affiliate con dirigenti, allenatori e volontari, per i loro figli>>.

 

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
Il giorno 11/11/2021 alle ore 12.45 clarence ha scritto...
CommentoIl 90% di questi genitori non ha mai giocato a calcio
Il giorno 11/11/2021 alle ore 13.15 moutrap ha scritto...
CommentoE crede di avere figli che Maradona Ronaldo e Messi gli facevano un baffo
Il giorno 11/11/2021 alle ore 15.38 cimaviva ha scritto...
Commentova bene incitare, gridare per un goal, e credere anche di avere in casa il fenomeno di turno, ma che si arrivi a tanto e' troppo.. Non servirebbe a nulla vietare la partita ai genitori, lo rifarebbero. sarebbe meglio vietare al figlio di giocarla, cosi' magarii genitori impareranno la lezione.
Il giorno 11/11/2021 alle ore 17.51 cast ha scritto...
Commentocome rimpiango lo scorso anno senza pubblico ...
Il giorno 11/11/2021 alle ore 18.44 lariano ha scritto...
CommentoMa i genitori non devono rompere i coglioni.....fategli pagare il biglietto 10€ o mandateli al bar a bere
Il giorno 11/11/2021 alle ore 20.47 abc ha scritto...
Commentone usciremo migliori............
eh si...
però hanno il green pass per entrare....vuoi mettere............
Il giorno 12/11/2021 alle ore 07.58 lore75 ha scritto...
CommentoStessa scena domenica mattina a Bulgarograsso, partita di allievi regionali U16... Deprimente vedere genitori in tribuna che si insultano a vicenda e vengono alle mani....
Il giorno 12/11/2021 alle ore 08.17 collina ha scritto...
Commento@Cimaviva... Davanti a certi fatti è necessario prendere provvedimenti, i colpevoli sono i genitori non i ragazzi, quindi porte chiuse per entrambe le squadre fino alla fine del campionato, sia in casa che fuori.
Il giorno 12/11/2021 alle ore 08.40 moutrap ha scritto...
CommentoPorte chiuse così punisci anche la squadra avversaria che non centra niente. Non è che le due squadre giocano sempre fra di loro.
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati