Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
PADEL - 'Manita' della Sussarello, ha vinto per la quinta volta il Campionato Italiano
La campionessa comasca: "E' stata una grande emozione. Ora sogno i Mondiali di Doha a novembre"
Nessun commento
Ven 3 Settembre 2021 10.02
Giulia Sussarello, campionessa italiana di padel
Como,

La regina del padel italiano è sempre lei. La comasca Giulia Sussarello si è confermata, grazie alla vittoria conquistata sui campi del Sun Padel di Riccione, per il quinto anno consecutivo Campionessa Italiana Outdoor.

 

 

È un risultato di assoluto prestigio per Giulia, arrivato in un torneo con diverse giocatrici di prim’ordine in gara e ottenuto per la prima volta in coppia con Carolina Orsi: «Sapevamo di essere tra le favorite però era un Campionato Italiano diverso: in primis dopo tanti anni non giocavo più con la mia storica compagna Chiara Pappacena – esordisce la Sussarello -, poi il maltempo ha influito parecchio sul torneo, a causa della pioggia infatti, il giorno della finale abbiamo dovuto disputare tre partite».

Ma la giocatrice comasca è stata più forte di ogni insidia, vincendo la semifinale contro la coppia Vinci, celebre ex tennista, vista in finale allo Us Open nel 2015, e Zanchetta. È stata però la finale il banco di prova più duro ed emotivamente impattante per Giulia che ha dovuto affrontare l’ex compagna Chiara Pappacena e Giorgia Marchetti: «Ero molto tesa per la sfida, ma Carolina è stata davvero brava – racconta la campionessa d’Italia -. Alla fine, dopo tre partite in poche ore, abbiamo trionfato al terzo set (6-0) e non nego che per la tensione è scesa qualche lacrima. Ci tenevo davvero tanto a questo quinto titolo, volevo dimostrare che potevo vincere con tre compagne diverse: nel 2017 con Sara D’Ambrogio, poi con Chiara e ora il primo con Carolina».

Titolo italiano che merita una dedica speciale: «Ci tengo a ringraziare il mio coach Maurizio Lopez che mi segue dal 2018 – spiega Giulia -. Anche per lui questo è il quarto titolo italiano, il primo in cui però ha potuto starci vicino in panchina. Ha vissuto con noi grandi emozioni e merita una menzione particolare».

Vinto un Campionato non si ferma la corsa della Sussarello che ha già bene in mente nuovi obiettivi: «Sono già volata a Lisbona dove, partendo dalle qualificazioni, disputerò un torneo del World Padel Tour, il più importante circuito al mondo – racconta -. Poi, con Carolina, avremo wild card a Cagliari sempre in una competizione del World Padel Tour. Infine spero a novembre di essere convocata dalla Nazionale per i Mondiali di Doha, sarebbe una grande emozione».

Padel che negli ultimi anni ha allargato anche in Italia il numero dei suoi giocatori: «Il movimento anche qui sta crescendo sia come numeri che come livello – conclude la comasca -. Anche per noi professionisti il gioco si sta alzando a dismisura: basti pensare che siamo tre italiane tra le prime 70 giocatrici al mondo».

 

 

LA SCHEDA DI GIULIA 

Comasca, ventotto anni e una vita indirizzata verso lo sport e la racchetta. Giulia Sussarello è la donna dei record nell’oceano del padel italiano. Cinque titoli italiani conquistati, prima italiana – in coppia con Chiara Pappacena - ad accedere a un torneo del World Padel Tour e a raggiungerne gli ottavi di finale; non male.

Andando però con ordine, Giulia fin da piccolissima, anche grazie a papà Franco, maestro di tennis, si avvicina alla terra rossa ottenendo, anche nel tennis importanti risultati, 488 di best ranking WTA e diversi trionfi ottenuti. Ma a ventidue anni arriva la decisione di lasciare la via del tennis professionistico per conseguire una Laurea in Scienze Motorie e un patentino come Maestra Nazionale di dello sport con la racchetta.

Poi, nel 2016, l’incontro, un po’ per caso, con il padel ed è stato subito amore: Giulia l’anno seguente vince il suo primo CampionatoItalia e da lì la sua ascesa non si è ancora fermata. Adesso la Sussarello è numero 70 del mondo (best ranking 66), ma siamo sicuri che presto altri record verranno scritti.

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
CommentoPuoi essere il primo a commentare questa news
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati