Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
FaloppieseRonago, tutti i conti del presidente: "Siamo fermi ma i costi sono esorbitanti"
Il punto di Gabaglio: "Le rette coprono sì e no il 40%, servono aiuti concreti per le società"
1 commenti
Mer 31 Marzo 2021 16.15
Angelo Gabaglio, presidente della FaloppieseRonago
Faloppio,

«È necessario un intervento di Governo e Regione per supportare l’attività sportiva, altrimenti sarà difficile ripartire». Il grido d’allarme arriva da un dirigente di lungo corso, il presidente della FaloppieseRonago, Angelo Gabaglio. La sua società è una di quelle che hanno scritto la storia del calcio giovanile comasco...

 

 

Anche oggi, con 200 tesserati tra gli atleti, più i tecnici e i dirigenti, è sempre tra le realtà più importanti della provincia. È quindi normale – nell’anormalità delle cose - lo stato di sofferenza di in una società che fa dell’aggregazione e dello sport i propri punti di forza.

Una sofferenza evidente, per i tanti ragazzi costretti a non praticare uno sport e, in termini molto concreti, anche per le spese comunque sostenute dal club.

«Allievi e Juniores – dice Gabaglio – sono gruppi non semplici da tenere uniti, è un’età particolare quella… L’anno prossimo, ammesso che si possa riprendere, avranno ancora voglia di giocare? Qualche defaillance nei gruppi c’è già stata. Ma quando era consentito allenarsi, l’abbiamo sempre fatto nel rispetto del protocollo».

Dubbi legittimi, che vanno di pari passo con alcune amare constatazioni, comuni a molte piccole realtà, sui costi comunque sostenuti anche in un’annata “persa” dal punto di vista sportivo: «Abbiamo pagato tutto e subito, senza approfittare delle dilazioni e delle proroghe concesse dal Comitato Regionale sulle scadenze: tra iscrizioni e tesseramenti abbiamo speso circa 7 mila euro. Eppure so c’è chi non ha ancora pagato… Inoltre ci sono le spese vive: l’altro giorno mille euro solo per la revisione delle caldaie. A cui va poi ovviamente aggiunto tutto il carico relativo alla sanificazioni e al materiale richiesto per rispettare le procedure».

Inoltre, sono arrivate richieste di sconti dalle famiglie: «I genitori giustamente ci chiedono di andare avanti, di organizzare l’attività, ma poi chiedono anche uno sconto sulle quote. La “retta” che pagano i tesserati copre sì e no il 40% delle spese che sosteniamo annualmente. Qualcosa abbiamo fatto, in termini di scontistica alla famiglie, ma è ovvio che gli allenatori, se lavorano, debbano essere pagati».

Altro capitolo, sempre in termini di uscite, è relativo agli allenatori: «Occorrono allenatori ed educatori preparati, per aumentare la qualità e avere persone che sappiano seguire al meglio bambini e ragazzi. Ma non capiamo i costi esorbitanti per gli aggiornamenti dei mister: 700 euro per un corso on line. Mi pare che sia una cifra esagerata».

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
Il giorno 01/04/2021 alle ore 10.50 morbidelli2017 ha scritto...
CommentoGabaglio è una persona seria e trasparente come la società che presiede.
E come tutte le persone serie dice sempre le cose come stanno.
Quando si dice che con le quote dei dei ragazzi si coprono le spese di gestione non è affatto vero si copre a mala pena il 50% dei costi e non perchè si pagano i giocatori della prima squadra.
Senza altri aiuti le società non ce la possono fare a portare avanti i loro programmi.
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati