Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
ELEZIONI CRL - Tavecchio vs Pasquali: sabato 9 gennaio si vota, in presenza o da remoto?
Tavecchio presenta la sua squadra, mentre il figlio di Baretti infiamma la campagna elettorale
Nessun commento
Dom 3 Gennaio 2021 12.30
Giuseppe Baretti, presidente uscente del Crl
Como,

Tra meno di una settimana la Lombardia calcistica eleggerà il suo nuovo governo. Sabato 9 gennaio si vota infatti per il nuovo presidente e il nuovo consiglio regionale. Ma solo domani mattina - lunedì - il reggente del Crl Antonello Cattelan deciderà con quale modalità: se in presenza o da remoto (online), come molti club si auspicano per evitare lunghe trasferte.

 

   

 

Nel frattempo prosegue l'accesa campagna elettorale dei due candidati presidenti: il comasco Carlo Tavecchio e il bresciano Alberto Pasquali, impegnati a far conoscere alle società lombarde i rispettivi programmi elettorali.

Il candidato presidente Carlo Tavecchio presenterà alle società la propria squadra in tre serate (ore 20:30), tramite altrettanti incontri sulla piattaforma Zoomquesta sera (domenica 3)lunedì 4 e martedì 5 gennaio (cliccando sul giorno accederete direttamente al link per parteciparvi).

Nei giorni scorsi Carlo Tavecchio è anche tornato a parlare, intervistato da Primamilanoovest.it ha dichiarato: “Sono un buono ma non mi faccio calpestare. Chi mi ha conosciuto sa che sono leale. La maggior parte delle critiche mi arriva via social. Se costruttive le accetto. Ho 1 anno in meno di Biden, lui è alla guida degli Stati Uniti, credo di essere pronto per quella del calcio dilettantistico lombardo in questo tragico momento. Ci vuole molta esperienza per uscire da un periodo così complicato o tra pochi anni le associazioni lasceranno le chiavi in Comune”.

Il candidato presidente comasco ha inoltre aggiunto: “In caso di vittoria delle elezioni indirò subito il 10 una riunione zoom di tutte le società. Dobbiamo parlare della non ripartenza dei campionati, delle rate del 10 febbraio e dei protocolli. Dobbiamo dare immediatamente delle date certe perché le associazioni devono organizzare i tornei e fare cassetto. Ma se non hanno le date come fanno? Poi verrà tutto il resto del mio programma”.

Procede dunque una campagna elettorale compressa e dove non sono mancati pungenti botta e risposta tra le parti. Come l'ultimo scaturito dalle dichiarazioni polemiche del figlio di Giuseppe BarettiAndrea (dg del Crema), che ha tirato nuovamente in ballo il comportamento - a suo dire - scorretto nei confronti del padre da parte dei consiglieri non dimissionari, annunciando che per tanto suo papà (ancora in ospedale, ma in fase di miglioramento - ndr) starà dalla parte di Pasquali

Dichiarazioni quelle di Baretti junior che hanno indignato e portato gli stessi ex consiglieri non dimissionari, ora in forza alla squadra di Tavecchio, a rispondere con una dura lettera che vi riportiamo integralmente di seguito.

 

LASCIATE FUORI DALLA CAMPAGNA ELETTORALE BEPPE BARETTI

Il gruppo Tavecchio risponde compatto all’intervista del figlio. “Lascia fuori il buon nome di tuo padre. Non ti accorgi che nessuno dei candidati è mai entrato nell’argomento? Questo lo si è fatto per preservarlo da ogni attacco elettorale. Sai bene che i sostenitori di Carlo Tavecchio sono tanti in Lombardia e, così, lo esponi al chiacchiericcio di argomenti che tutti conosciamo ma che erano sorpassati, perché dai l’idea che più che difendere il buon nome di Beppe tu voglia difendere gli interessi famigliari. Devi avere più senso di responsabilità ed equilibrio. Tuo padre ti insegnerebbe a non esporre la famiglia ai media! Lo si fa solo se non ci sono altri argomenti, perché questo innesta la macchina del fango e coinvolge persone lontane da questi meccanismi portando sofferenza! Andrea rifletti di più sulle conseguenze prima di agire! Così facendo esponi il suo nome alle critiche delle persone che fino ad oggi tutti i candidati erano riusciti ad evitare.

Specificheremo solo una volta quanto accaduto perché non ci troverai mai più in accordo nel parlare di Beppe.

La salute non gli avrebbe mai permesso di affrontare un secondo mandato. Ha una sfida ben più grande da affrontare. Ha sempre espresso il grande desiderio di essere Vicepresidente d’area Nord, impegno che gli avrebbe consentito di mantenere la testa nel calcio ma la tranquillità materiale di poter affrontare la strada che lo aspetta. Pochi giorni prima del ricovero chiamò gli amici più cari ed i Vicepresidenti, tra i quali Paola Rasori che si è sempre occupata della parte stampa del CRL, per chiedere di scrivere un comunicato dove esprimeva la sua non candidatura in via ufficiale perché non se la sentiva anche a fronte delle sorprese che questo percorso gli ha amaramente riservato. Non era in accordo né con Tavecchio né con Pasquali. Di quest’ultimo non condivideva i modi e nemmeno la conferma di nomina a delegato provinciale perché non condivideva il suo modus operandi. Sapeva da tempo della sua volontà di candidatura al suo posto. Beppe, non ama caratterialmente le sfide elettorali, non ha mai amato leggere critiche sulla sua persona o sul suo operato sui giornali. Non avrebbe mai fatto commissariare un Comitato. Noi Beppe lo conosciamo così, ci abbiamo tutti parlato e ci siamo tutti confrontati. Oggi non ha nemmeno la disponibilità dei cellulari per comunicare e ancora meno la testa per parlare di elezioni! Stai danneggiando la sua figura, perché come spesso accade, i figli non sono all’altezza della guida dei genitori che, per amore loro e per aiutarli, si sono esposti a passi rischiosi ricevendo non pochi grattacapi. MAI e MAI più ci coinvolgerai in tale argomento!

Beppe Baretti e le sue vicende personali, devono trovare rispetto in un dignitoso silenzio! Con l’unico augurio che possa stare bene prima possibile e ritrovare gli affetti di sempre. Invitiamo tutti a far calare il sipario su temi così fuori luogo perché questi articoli diventano provocazioni che, se colte, faranno si che la campagna elettorale si sposti su temi personali aberranti e non calcistici.

 

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
CommentoPuoi essere il primo a commentare questa news
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati