Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
Calcio, allenamenti sul web per i giovani: la reazione del mondo dello sport alle restrizioni
Tufano (Ardisci Maslianico): "Credo poco alla ripartenza, non avremmo dovuto ricominciare"
Nessun commento
Gio 26 Novembre 2020 09.30
Tony Tufano, responsabile del settore giovanile del Maslianico
Como,

C’è chi non può farsi trovare impreparato: se il movimento dilettantistico e giovanile del calcio provinciale e regionale riuscirà di riprendere l’attività, serviranno preparazione e condizione. C’è, insomma, chi sta cercando di tenere a un livello alto fisico e morale, per essere pronti alla ripresa, se mai ci sarà.

Perché è fuor di dubbio che, a livello giovanile, il mantenimento della categoria regionale sia una sfida per le società comasche. Mariano, Bulgaro, Città di Cantù, Ardisci e Maslianico, Arcellasco e Cittadella: tutte hanno almeno una squadra nei campionati regionali Allievi e Giovanissimi.

Difficile lottare per i primi posti, per tutte l’obiettivo è la salvezza. E l’importante sarà non farsi sorprendere da possibili ripartenze.  

 

 

«Sinceramente ci credo poco e temo che si combini un’altra frittata come a settembre: non avremmo mai dovuto ricominciare, non in questo modo, senza certezze e con tante partite rinviate fin dalle prime giornate», dice Tony Tufano, responsabile del settore giovanile dell’Ardisci e Maslianico.

Ma le sue squadre sono comunque al lavoro, da casa: «Stiamo facendo fare esercizi ai ragazzi: glieli mandiamo e poi chiediamo di mandarci  i video dei loro allenamenti, in modo da poterli controllare. Nel frattempo, stiamo mantenendo i centri sportivi in ordine, come a febbraio e marzo. Il lavoro per i nostro atleti è programmato dai nostri tecnici ed è specifico per ogni annata».

Tra i ragazzi serpeggia un po’ di sfiducia, questo è più che evidente: «Da un lato ci sarebbe la voglia di allenarsi e giocare, dall’altra questa incertezza sta minando le convinzioni dei ragazzi e credo sia una cosa comune a tante squadre della provincia. Per fortuna a noi l’entusiasmo non manca, ma mettiamoci nei panni di quindicenni che hanno già dovuto affrontare un durissimo lockdown: stiamo lavorando con loro soprattutto a livello psicologico».

E la società cosa si aspetta? «Io sono uno competitivo nato, ma per la prima volta dico forse che giocare senza un campionato regolare è controproducente: io concluderei questa stagione solo con amichevoli».

Intanto, tante società del territorio, soprattutto con l’attività di base –i campionati  sono stati sospesi proprio nel giorno del debutto di Esordienti e Pulcini -, hanno cominciato con i più piccoli a svolgere allenamenti in videoconferenza, grazie alle varie piattaforme che spopolano sul web.

Almeno la tecnologia dà una mano.

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
CommentoPuoi essere il primo a commentare questa news
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati