Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
SHABOMBER, LA RUBRICA DI LARIOSPORT.IT IN COLLABORAZIONE CON SHABU COMO
Leggi l'articolo e scopri a chi è andata la Shabu Bomber Card della settimana!
1 commenti
Mer 25 Novembre 2020 11.55
Scopri lo Shabomber della settimana
Como,

SHABOMBER è il nome della rubrica settimanale di Lariosport.it in collaborazione con Shabu, il Japanese Fusion restaurant di Como (via Morazzone 9).

Di cosa si tratta? Ogni settimana individueremo e intervisteremo un “bomber”, ovvero un calciatore (o una calciatrice) protagonista dei campionati di calcio dilettanti. Non per forza un goleador, ma un giocatore che si è distinto per un gesto, per un episodio, per una storia o una curiosità da raccontare.  

Sarà lui lo SHABOMBER della settimana che, grazie alla rinnovata partnership tra Lariosport.it e Shabu, sarà omaggiato con la SHABU BOMBER CARD: un buono cena per due persone (da instagrammare con una story taggando @shabucomo e @lariosport).

Non sarà premiato solo lo Shabomber della settimana: Shabu, infatti, omaggerà anche tutti i suoi compagni di squadra con le nuove carte sconto ONLY FOR FRIENDS* logate Lariosport.it.

* ATTENZIONE: dal mese di ottobre 2020 tutte le vecchie carte sconto Shabu-Lariosport non sono più valide e non saranno più accettate.  


 

MICHAEL RIGAMONTI E' LO SHABOMBER DI QUESTA SETTIMANA

Bomber dell'Assese, da due anni punta alla classifica marcatori ma soprattutto ai successi di squadra

Cinquantuno reti segnate in quaranta presenze con la maglia dell'Assese negli ultimi tre anni. Bastano questi numeri emblematici per far capire chi è Michael Rigamonti, capitano della formazione di Asso (Terza categoria), che anche in questo difficile inizio di stagione si era fatto sentire segnando sette reti in tre gare per una Assese che dopo tre partite aveva raccolto cinque punti senza mai perdere.

 

Michael Rigamonti sarebbe sicuramente stato uno dei favoriti al premio di bomber dell'anno, che Lariosport assegna ogni anno (e che speriamo di tornare ad assegnare presto in futuro...) al calciatore che segna più reti nell'anno solare. Rigamonti sarebbe stato un candidato "forte", e forse solo la pandemia lo ha fermato. 23 reti in 23 gare due stagioni fa, 21 (capocannoniere al momento della sospensione) in 14 partite l'anno scorso, e sette come detto sinora quest'anno: niente male davvero.

Rigamonti non è comasco, bensì di Bovisio Masciago: "Sono cresciuto nelle società della zona, ho iniziato piccolissimo, quando avevo quattro anni, perchè per me il calcio era ed è soprattutto una grande passione. Sono la classica prima punta, gioco molto con il fisico e ho un buon colpo di testa nonostante non sia altissimo. Le giovanili le ho fatte tra Palazzolo Milanese, Cesano Maderno, Molinello e Mariano, quindi al Paina dove ho esordio in Promozione prima di lasciare il calcio a 18 anni in quanto non riuscivo a conciliarlo con il lavoro".

Rimpianti per questa scelta? "Un pochino sì, anche perchè penso che se fossi riuscito ad allenarmi con costanza avrei potuto ritagliarmi un buono spazio in Promozione. Però non ci penso più di tanto: l'importante per me è giocare a calcio e farlo per divertimento, ad Asso sto bene e la categoria per me conta relativamente".

Nel 2012 Michael Rigamonti torna a giocare con gli amici nel Csi, proprio con l'Assese (che poi, per qualche stagione, diverrà Vallassinese): "In molti mi chiedono che cosa ci faccia un ragazzo di Bovisio Masciago ad Asso. Mio papà abita a Ponte Lambro, io lavoro ad Inverigo e quando posso mi fermo da lui a dormire, per questo motivo ho ripreso ad Asso dove avevo molti amici. Anche nel Csi è stata una bella esperienza, abbiamo vinto due campionati provinciali e perso una finale regionale".

Quindi la decisione da parte dell'Assese di tentare l'avventura in Terza categoria, dove Rigamonti è divenuto anche capitano: "Ad Asso sto bene, per me divertirmi è davvero la cosa più importante. Non nego di aver avuto offerte da altre categorie, ma non ci ho mai pensato veramente. Il mio sogno sarebbe quello di salire in Seconda con l'Assese, vincendo il campionato o anche attraverso i playoff".

Un'Assese che era partita bene, con un gruppo rinnovato e molto giovane: "Penso che la squadra fosse valida, certo c'è qualcosa da sistemare in difesa ma negli ultimi anni siamo sempre stati forti in attacco e un po' meno dietro. Il momento che stiamo vivendo ora è difficile, a me il calcio manca in una maniera incredibile, però sono realista e ho i miei dubbi che si possa tornare a giocare a breve. Spero ovviamente di sbagliarmi".

Tifoso milanista, l'idolo però non è Ibrahimovic, nonostante le cose strepitose che ancora sta facendo lo svedese: "Beh, dire Ibra sarebbe troppo facile essendo milanista, anche se devo dire la verità, non mi stupisce quello che sta facendo perchè ha un fisico straordinario, esattamente come Cristiano Ronaldo, che sono sicuro che farà la differenza ancora per molti anni. Ma il mio idolo vero e proprio è Messi, lui è davvero l'essenza vera e propria del calcio".

Le cinquantuno reti segnate nelle ultime tre stagioni lo metterebbero sicuramente in corsa per il premio di bomber dell'anno: "Sì, certamente farebbe piacere, ma devo dire la verità: non sono i premi individuali la cosa che mi interessa di più. Chiaramente mi piace molto segnare, diciamo che per me la partita perfetta è quando riesco a segnare e la mia squadra vince". Insomma, in attesa di poter tornare in campo, Michael Rigamonti mette già nel mirino sia la promozione con l'Assese che - perchè no - anche il titolo di superbomber dei campionati dilettantistici comaschi.


 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
Il giorno 25/11/2020 alle ore 15.55 henrry619 ha scritto...
CommentoChe animal!!!!!!
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati