Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
La ripartenza - Tra timori e speranze anche in Terza categoria si guarda al futuro
I dirigenti comaschi in coro: "Prima di tutto la sicurezza e un protocollo adeguato"
Nessun commento
Mer 25 Novembre 2020 09.00
Opinioni e pareri dei dirigenti di Terza categoria
Como,

Anche tra i dirigenti delle formazioni di Terza categoria regna l’incertezza in merito al futuro a breve termine del calcio dilettanti, anche se c’è chi comunque continua a sperare. E’ il caso di Arturo Tucci, ds dell’Olympic Lurago...

 

 

«Tutti i nostri mister e i ragazzi hanno grande voglia di riprendere a giocare. La società è comprensibilmente un po’ più cauta, ma la speranza non la vogliamo perdere. Certo, sarebbe fondamentale avere regole più chiare: nei mesi passati più che un direttore sportivo ero diventato un controllore, in certi casi il rispetto delle regole diventava quasi angosciante. Credo comunque – conclude Tucci – che sarebbe fondamentale far tornare in campo almeno i più piccoli. Playoff allargati? Sì, potrebbero essere una buona soluzione, soprattutto per la Terza dove non ci sono retrocessioni».

Pensiero simile a quello di Matteo Cantale, ds della Casnatese: «Il rispetto dei protocolli quest’anno è stato veramente pesante, e l’ho provato sulla mia pelle. E’ stato un gran peccato perché, al di là della nostra buona partenza, avevamo creato davvero un gruppo unito e ora, senza la possibilità di vedersi, questa unità rischia inevitabilmente di andare a scemare». In ambito ripartenza, Cantale lancia un’idea originale: «Perché non fare, dopo un girone di sola andata, due mini campionati, un po’ come i tornei di apertura e clausura che ci sono in Sudamerica? Sarebbe interessante per poter giocare un po’ di più».

Infine, ecco il pensiero del ds della Valsoldese Luca Brogna: «Noi chiaramente siamo dispiaciuti di non poter giocare, ma anche consci della situazione e pensiamo che le misure prese sinora siano corrette. Di sicuro – continua Brogna – come Valsoldese non manderemo in giro i nostri ragazzi fino a che non ci sarà la certezza che non rischino nulla. Per quanto riguarda il formato del campionato, non ho un’idea precisa in merito, ci adatteremo a quanto ci diranno senza problemi».

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
CommentoPuoi essere il primo a commentare questa news
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati