Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
Giro di Lombardia, presentazione al Ghisallo: grande spettacolo a Ferragosto sulle strade di Como
Edizione 'anomala' ma non mancherà lo spettacolo: "Segnale di ritorno alla normalità"
Nessun commento
Ven 24 Luglio 2020 15.30
Bauke Mollema, vincitore del "Lombardia" 2019
Magreglio,

Tra storia e presente, è stata presentata al Museo del Ghisallo l’edizione 2020 del Giro di Lombardia, un’edizione «anomala», come tutti i presenti l’hanno definita.

Anomala perché, com’è noto, si disputerà a Ferragosto, perché – solo quest’anno, si spera – non si potrà definirla “la classica delle foglie morte”, tenendosi in estate, e anomala perché dovrà fare i conti con il distanziamento sociale imposto da Governo e protocolli Uci. 

Resta però invariata la caratteristica più importante, ossia lo spettacolare arrivo sul lungolago di Como...

 

 

 

 

Il Giro di Lombardia si disputerà a Ferragosto: 243 chilometri, partenza da Bergamo con orario posticipato a mezzogiorno, arrivo sul lungolago di Como intorno alle 18.30. In mezzo, tutti i luoghi classici della corsa, in particolare il Ghisallo, il Muro di Sormano, Civiglio e la Valfresca.

È cambiata la data per l’emergenza sanitaria che ha costretto a rivedere tutto il calendario dell’attività ciclistica e l’organizzazione è stata messa a dura prova. Ma il 15 agosto saranno al via 178 campioni in rappresentanza di 25 squadre professionistiche. Soprattutto, questo è il primo passo verso il ritorno alla normalità, pur nell’anomalia sottolineata da tutti.

Al tavolo c’era Antonio Rossi, sottosegretario regionale con delega ai grandi eventi sportivi: «Il Ghisallo è un simbolo dello sport, ora finalmente si torna alla normalità».

Il Comune di Como, anche quest’anno, farà la sua parte: «Il Lombardia è una grande opportunità – ha detto Marco Galli, assessore allo Sport -: è un evento clou, l’organizzazione è consolidata, ma tra il fare le cose e non farle il confine è sottile. È giusto sorridere, vivere la corsa e fare festa con le precauzioni del caso: il calcio ha ripreso, ma a porte chiuse, il ciclismo rilancia il pubblico e il tifo, farà vedere una città viva e aperta».

E la sicurezza è stato uno dei temi “caldi” dell’intervento di Stefano Allocchio, vicedirettore di corsa per Rcs Sport che organizza il Lombardia: «Cercheremo di non avere affollamento, ma non potremo garantire per tutta la corsa: alla partenza e all’arrivo ci saranno transenne aggiuntive, noi stessi dello staff faremo tamponi e test sierologici. Lungo il percorso ci appelliamo al buon senso della gente, all’uso di mascherine e al distanziamento».

Sulla corsa, Allocchio ha garantito sulla presenza di tanti “big”: «In tre mesi faremo un calendario di nove, le società si stanno organizzando. Nibali e Aru ci saranno: la Milano-Sanremo è per velocisti, il Lombardia è per scalatori, i migliori ci saranno sicuramente».

 

IL LOMBARDIA - LA SCHEDA TECNICA

 

 

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
CommentoPuoi essere il primo a commentare questa news
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati