Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
Gli arbitri e il coronavirus: "Lezioni on line ed esercizi: un aiuto dalla tecnologia"
Parla il presidente Garganigo: "Disagi notevoli, al vaglio un corso arbitri on line"
Nessun commento
Ven 27 Marzo 2020 10.30
Matteo Garganigo, presidente Aia Como
Como,

Come tutti gli atleti bloccati a casa per l’emergenza coronavirus, anche gli arbitri di calcio si sono organizzati per tenersi in allenamento. Non è un momento semplice nemmeno per la sezione arbitri di Como e per i suoi tesserati: un corso arbitri in partenza e rinviato a data da destinarsi, l’inattività forzata e, ultima in ordine di tempo, la dolorosa scomparsa dell’ex presidente Luigi Frusciante. Ma l’attività è ferma solo sulla carta...

  

Da tempo, l’Aia nazionale, con il proprio settore tecnico, sta proseguendo i progetti per la formazione a distanza, nel rispetto delle misure di contenimento del Covid-19, con un programma atletico di allenamento domestico. Si tratta di una serie di esercizi fisici per il mantenimento della forma fisica, da effettuare individualmente nel proprio domicilio, nell’assoluto rispetto delle normative straordinarie: l’obiettivo del programma, curato dal professor Carlo Castagna, è infatti mantenere la forma fisica mediante controllati carichi di moderata intensità e volume.

Indicazioni pienamente recepite anche dalla sezione comasca di via Badone: «L’obiettivo, per fronteggiare l’emergenza, è tenere tutti nostri arbitri sulla corda e sempre aggiornati – dice il presidente Matteo Garganigo -, sia dal punto di vista fisico, sia da quello regolamentare».

La sezione sta quindi proponendo ai propri associati dei quiz on line, che prevedono anche la risoluzione del caso proposto: «Ci sono una serie di domande e filmati che gli arbitri possono vedere, risolvere e commentare on line. Insieme, con i mezzi che ci offre la tecnologia, possiamo poi discuterne, per esempio sfruttando le videoconferenze. Anche in questo periodo cerchiamo di fare della didattica a distanza. Anche il Comitato regionale sta facendo un grande sforzo, ha diviso i loro arbitri in piccoli gruppi di lavoro per esaminare le casistiche proposte».

E la tecnologia è di supporto anche per l’attività di tutti i giorni della sezione comasca: «Abbiamo già svolto un consiglio direttivo su Skype, in cui abbiamo ricordato il nostro grande ex presidente Frusciante che ci ha lasciati pochi giorni fa. Inoltre, si cerca di tenere vivo il senso dell’associazionismo, così importante per la categoria degli arbitri».

L’emergenza ha costretto a far slittare anche l’inizio del corso arbitri, la cui prima lezione era in programma lo scorso 17 marzo: «Era già stato pubblicizzato, ma ora è posticipato a data da destinarsi. Se non riusciremo a farlo in modo tradizionale, con le lezioni frontali, vorremmo provare a lanciarlo in maniera telematica».

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
CommentoPuoi essere il primo a commentare questa news
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati