Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
"Gigi Meroni" devastato, il dirigente albatese Nessi tende la mano: "Fare rete per questi ragazzi"
"L'idea di un dialogo è un collante, servono anche fiducia e sopportazione"
9 commenti
Mar 3 Marzo 2020 10.07
Luigino Nessi, dirigente Us Albatese
Como,

Un fatto di cronaca increscioso, che ha tenuto banco la scorsa settimana, è stata l'irruzione di alcuni vandali al "Gigi Meroni" di Albate che hanno devastato il bar del centro sportivo comunale e la sede delle società che sfruttano l'impianto di via Acquanera

Lo storico dirigente dell'Us Albatese, Gigi Nessi, ha scritto una mail alle associazioni albatesi con alcuni spunti per instaurare un dialogo con i giovani del quartiere...

 

 

GIOVENTU' - AMORE E RABBIA

Il titolo é preso da un vecchio film inglese degli anni '60'; già d'allora si parlava di tematiche giovanili, gli anni sono passati, ma il problema cera e c'é ancora..il problema dei ragazzi, dei giovani.

I fatti del “ GIGI MERONI”, il vandalismo fatto senza perchè, con protagonisti ragazzi dai 19 ai 15 anni, ha riportato prepotentemente alla ribalta le tematiche giovanili.

Infatti questo fatto increscioso, ha avuto il merito di riportare questo problema all'ordine del giorno, sotto gli occhi di tutti, di far riflettere e penso far capire, speriamo, a questi giovani protagonisti che é ora di riflettere, di iniziare un nuovo modo di comportarsi e di confrontarsi con tutti.

Questa é infatti, secondo me,per tutti, per noi che non più giovani siamo, un'occasione per pensare alla condizione giovanile, segnata da difficoltà sempre crescenti, di giovani che non studiano, né lavorano, con un tasso di disoccupazione elevato, con il lavoro sempre più precario, la fatica di riuscire a costruirsi un progetto di vita, aggiungo la mancanza di spazi.

Si tratta quindi, il pensare a quanto avvenuto, di un'occasione per ripartire, sebben é difficile far capire a noi, l'importanza di una educazione non formale, che invece potrebbe essere capace di invertire queste situazioni negative.

Le azioni a favore di questi giovani  un po' emarginati, o che magari si sono autoemarginati dal

“sistema” potrebbe essere un buon investimento che potrebbe generare risorse di qualsiasi genere, ma sopratutto dar l'occasione a tanti ragazzi di riscoprire la fiducia e la bellezza del vivere.

Mi dicono ma alla fine sono pochi (ma sono gruppi di oltre una ventina di ragazzi), non tutti sono così..Bé beati questi che hanno già trovato le linee della loro vita, ma é giusto che ci si preoccupi di tutti..evengelicamente dico, il pastore é stato contento al ritrovamento della pecora smarrita...

Occorre quindi, per condividere, andarli a cercare..

Quindi pensarci ed investire in tutti i sensi; come tutti gli investimenti, oltre che le risorse, si ha il bisogno di buone idee, riferimenti chiari e competenze adeguate.

Albate ha tante associazioni, luoghi come l'Oratorio e il Campo sportivo, ha società sportive, una Scuola; tante altre associazioni che operano sul territorio.

Occorre veramente mettersi a dialogare, ad incontrarsi a discutere su questo problema, ad affrontarlo, a trovare soluzioni.

Fare una rete in comunità con un'apertura verso l'altro e verso gli altri, far girare pensieri e risorse tramite l'unione delle risorse umane e materiali.

L'idea di un dialogo, di una continua aggragazione, potrebbe essere non un vantaggio solo per i ragazzi e le ragazze, ma sarà senz'altro anche un bene “pubblico”, collante per il contesto sociale e promotore e amplificatore di diverse sensibilità, senza alcuna esclusione aprioristica.

Ridare loro l'importanza del desiderio e dell'immaginazione del futuro.

Occorre quindi esserci ed esserci quotidianamente, per lavorare su un progetto, da rendere concreto.

Occorre saper accompagnare i giovani, a costruire percorsi di vita, fatti di formazione, di lavoro, a partecipare ad eventi e attività, dialogando e condividendo con loro.

Importante e necessario é far incontrare questi ragazzi e giovani con le altre generazioni, dialogare per rigenerare un nuovo modo di vita, approcci nuovi, un confronto costruttivo, un “mondo” nuovo.

Questo consapevoli, della fragilità dei ragazzi; quindi vicinanza, fiducia reciproca, magari sopportazione, nessun scelta gerarchica, ma la capacità di mettersi in discussione aperta senza aver paura e senza determinare gli esiti.

Tutto questo, su cui occorre un contributo ed un impegno di tutti, può essere un modo, secondo me,  di affrontare la questione di tanti ragazzi e di tanti giovani del nostro quartiere:

Forse, questa una mia opinione, potrebbe esserci sempre fatti come quelli del “Meroni”, ma forse, e questa é una convinzione che ho condiviso con altri, potrebbe essere davvero l'inizio per un futuro migliore.

 Luigi Nessi

 

 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
Il giorno 03/03/2020 alle ore 10.35 pippogol ha scritto...
CommentoE occorre anche qualche sano schiaffone!
Il giorno 03/03/2020 alle ore 11.22 1912 ha scritto...
CommentoQuando si dice il dono della sintesi... A parte ciò bravo, complimenti, andiamo avanti con il perbenismo e la "comprensione" a tutti i costi e poi lamentiamoci se il mondo va a rotoli...
Il giorno 03/03/2020 alle ore 11.23 ciarlatano ha scritto...
CommentoMa che bello! io - già che ci siamo - proporrei anche una beatificazione.. che dite?
Il giorno 03/03/2020 alle ore 13.28 veterano50 ha scritto...
CommentoBuongiorno a tutti e scusate il francesismo, ma una serie di pedate nel culo e qualche legnata poi a sistemare con le loro manine NO!!!!! e facciamola finita con il buonismo non paga è il mondo che lo dice...........
Il giorno 03/03/2020 alle ore 15.13 rocky ha scritto...
Commentogli spazi comunali e le attrezzature dovrebbero poter essere utilizzate da tutti, sotto il controllo della società che ne ha ricevuto l'utilizzo dalla istituzione
fin tanto che, le società non opereranno nella maniera citata nel loro statuto e condizione per essere annoverate fra le società no profit, accadranno fatti incresciosi come ad Albate
Il giorno 03/03/2020 alle ore 23.23 pollagine ha scritto...
CommentoCompletamente in disaccordo.
Fare azioni di questo tipo e cavarsela con una pacca sulla spalla? E' la cosa più diseducativa di tutte, ci vogliono punizioni esemplari e bisogna anche enfatizzarle!
E' l' unico modo per far capire a chi non ha niente di meglio da fare che devastare e saccheggiare senza motivo una struttura dove tante persone ci mettono tempo, fatica, sudore e magari anche risorse proprie che per divertirsi devono inventarsi altri modi, possibilmente legali e che non danneggino gli altri.
Altro che sgridata della mamma, reprimenda dei carabinieri e stop.
Il giorno 04/03/2020 alle ore 07.39 gianpietro ha scritto...
CommentoCome spesso accade, i fenomeni da tastiera non si fanno attendere. Zero conoscenza della situazione, slogan e frasi fatte. Gigi nessi e i dirigenti di albatese e albate calcio vivono il quartiere, lo conoscono, lo animano. La lettera non è difficile da comprendere, bisognerebbe andare oltre le solite boiate da social ma purtroppo per molti è difficile.
Il giorno 04/03/2020 alle ore 08.55 pollagine ha scritto...
CommentoLegalità, questa sconosciuta...
Continuiamo a giustificare, continuiamo a porgere l' altra guancia e a prendere schiaffi...
Poverini si annoiavano...
Il giorno 04/03/2020 alle ore 10.03 ciarlatano ha scritto...
CommentoGianpietro , le uniche parole di circostanza e frasi fatte sono solo le tue.. questa è gente da pigliare e mettere sei mesi a pulire i cessi e raccogliere la spazzatura, e basta con sto buonismo . che poi dopo ci scappano pure i morti e ci si chiede perchè
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati