Chi siamoRedazioneContattiCollabora con LarioSportPubblicitàInvia notizia / segnalazione
FacebookTwitterYouTubeInstagram
Lariosport.it  
Maslianico e Ardisci & Spera: si va verso la fusione delle due ultracentenarie società
Lo ha svelato Stanislao D'Orta della Dialquadrato, spiegando quali sono gli obiettivi
17 commenti
Ven 21 Giugno 2019 10.00
Stanislao D'Orta
Como,

Ha suscitato interesse e curiosità la notizia della cessione del Maslianico da parte di Niki D’Angelo alla Dialquadrato Ssdarl, la stessa che solo poche settimane fa aveva rilevato l’Ardisci e Spera. Gli appassionati del mondo pallonaro comasco, non abituati a questo tipo di operazioni, hanno subito rizzato le antenne e, chi più chi meno, si sono posti qualche domanda in merito.

 

 

Perché D’Angelo abbia passato la mano, lo abbiamo già raccontato:  <<Ero stanco, negli ultimi anni sono rimasto praticamente da solo a mandare avanti la società – le parole dell’ormai ex presidente del Maslianico -. Forze e risorse sono sempre venute meno>>.

Quale interesse ci sia dietro alle due acquisizioni della Dialquadrato l’abbiamo chiesto al diretto interessato, Stanislao D’Orta, socio e referente di questa società e neopresidente dell’Ardisci e Spera. <<Il nostro obiettivo è sempre il medesimo – spiega D’Orta –: vogliamo trasmettere la cultura dello sport ai giovani, attraverso la gestione di  centri sportivi di alto livello>>.

L’incipit di quanto fatto con l’Ardisci al centro sportivo di Lazzago e quindi lo stesso fatto con il Maslianico e l’impianto sportivo di via Burgo. <<Vogliamo fare dell’attività sociale tramite lo sport. E per fare sport è necessario avere delle strutture adeguate. Quelli di Lazzago e Maslianico sono due centri molto belli, che vanno sviluppati e riqualificati>>.

A Lazzago la nuova Ardisci sta collaborando a stretto contatto con il Comune di Como per presentare un project financing volto al rilancio dell’impianto: <<Voglio nuovamente ringraziare l’Assessore allo Sport, Marco Galli, con il quale stiamo portando avanti il progetto>>. Progetto che come già detto prevede campi da calcio in sintetico, campi da tennis e altro ancora.

<<A Maslianico la situazione è un po’ diversa, perché qui abbiamo acquisito una gestione di 13 anni – continua D’Orta -. Per quanto riguarda i campi siamo già al lavoro per migliorarli. Agli spogliatoi servirà una ristrutturazione e un ampliamento. Mi incontrerò a breve con il sindaco Citterio perché serve un quarto spogliatoio>>. Anche qui in arrivo campi da tennis, come a Lazzago dove Diego Nargiso - che orbita attorno alla Dialquadrato - aprirà una scuola tennis.

Passando agli aspetti societari e sportivi per conoscere i nomi che potrebbero entrare nel nuovo Maslianico, ecco un’ipotesi che sa di rivoluzione: <<Potrebbe non esserci alcun nome perché, anche dopo aver parlato con la Federazione, potremmo fondere e unire  Maslianico e Ardisci. E’ una possibilità che stiamo vagliando, ma i tempi tecnici per questo tipo di operazione sono molto risicati. Sportivamente l’obiettivo primario  -  conclude D’Orta –  è sempre quello di valorizzare il settore giovanile>>.

Un’ipotesi di fusione tra due storiche e ultracentenarie realtà che nelle ultime ore sembra essere sempre più concreta.

 

La stretta di mano tra Niki D'Angelo e Stanislao D'Orta 

 


 


@Lariosport
© riproduzione riservata

CommentiI commenti degli utenti
Il giorno 21/06/2019 alle ore 11.55 pizzo ha scritto...
Commentoma il termine per le fusioni era ieri oppure oggi last day ….
Il giorno 21/06/2019 alle ore 14.13 catrame ha scritto...
Commentoauguro cento anni di attivita'.
pero' posso dire la mia... secondo me tra 4/5 anni non ci sarà piu' ne' ardisci ne' maslianico.
magari mi sbaglio
Il giorno 21/06/2019 alle ore 16.01 veterano50 ha scritto...
CommentoCaro catrame molto meno.
Tennis ovunque a questi del calcio non importa niente se non affittare campi, comincia a delinearsi un pochino di verità................solo interessi infatti hanno trasformato le forme giuridiche un perchè ci sarà
Il giorno 21/06/2019 alle ore 17.19 osservatore ha scritto...
CommentoAvevo dato 2/3 anni di tempo perché l'Ardisci sparisse e così è stato. Faccio i miei complimenti a chi ha sperperato in così poco tempo i soldi del premio alla carriera di Eugenio Lamanna e della vendita della sede storica di Via Borgovico.
Il giorno 21/06/2019 alle ore 18.06 respectbvl ha scritto...
CommentoVendo due racchette da tennis un calcetto e due flipper.. interessa?? Ho visto che comprate tutto
Il giorno 21/06/2019 alle ore 18.31 osservatore ha scritto...
CommentoAhahahah okkio che qualcuno lo trovi sul serio e magari ti chiede pure i soldi
Il giorno 21/06/2019 alle ore 21.11 veterano50 ha scritto...
CommentoI soldi vanno e vengono da quelle parti andavano solo ma di che cifre stiamo parlando per curiosità???? Non mi sembrano bruscolini da quello che leggo osservatore
Il giorno 22/06/2019 alle ore 14.37 osservatore ha scritto...
CommentoNo comment. Come sempre io commento solo ciò che conosco e non per sentito dire. Ma almeno quei soldi fossero serviti a creare strutture o implementare il numero delle squadre. La realtà è che non hanno più una squadra nei regionali, sic!, e le strutture sono fatiscenti. Quante squadre hanno, quanti tesserati? Pensavano che ci sarebbe stata la fila ai cancelli? E cosa erano in grado di offrire? Sicuramente una cosa, l'inconsistenza e l'arroganza. Chi semina vento raccoglie tempesta, purtroppo. Sul Maslianico non mi esprimo, sicuramente c'è chi conosce meglio di me quella realtà.
Il giorno 24/06/2019 alle ore 08.58 pallone75 ha scritto...
CommentoMa sbaglio o né a Lazzago né a Maslianico ci sono campi da tennis? E poi, a Lazzago, non vedo lo spazio per espansioni del centro sportivo. o sbaglio?
Il giorno 24/06/2019 alle ore 12.34 osservatore ha scritto...
CommentoSbagli. In origine c'erano due campi da tennis/calcetto poi trasformati in calcetto con erba sintetica di 1^ generazione. C'era un progetto, mai portato a termine, di creare altri 2 campi a 5 in erba naturale nella zona adiacente la tribuna. Volendo (Con i soldi) c'è spazio per fare molte cose.
Il giorno 24/06/2019 alle ore 12.36 osservatore ha scritto...
CommentoÈ sicuramente il centro più appetibile di Como e non solo.
Il giorno 24/06/2019 alle ore 12.57 pallone75 ha scritto...
Commentograzie, Osservatore. Pero' , se non ho capito male, un altro campo a 9 o 11 non salterebbe fuori, giusto?
Il giorno 24/06/2019 alle ore 16.11 osservatore ha scritto...
CommentoSi potrebbe fare dove ora esiste il calciotto, anche se si giocava a 9, ed eliminando proprio i campi sintetici usurati. Progetto esistente da molti anni. Per questo non do tutte le colpe ai dirigenti Ardisci che si sono succeduti nel tempo, ma all'amministrazione comunale. Soprattutto quella precedente alla attuale. E se volete apro anche questo capitolo che è patetico.
Il giorno 24/06/2019 alle ore 17.16 veterano50 ha scritto...
CommentoCiao osservatore lascia perdere, sai bene che in comune l'Ardisci era vista come la lebbra sempre per gli stessi motivi ................inutile ripetersi. Più umiltà e meno arroganza avrebbe portato a un'altro epilogo, è andata così. Speriamo almeno questa nuova gestione riqualifichi il centro perchè se ti addentri sembra di essere a Beirut ai tempi dei bombardamenti
Il giorno 24/06/2019 alle ore 18.00 osservatore ha scritto...
CommentoDiciamo pure che non essendo una società di quartiere non era bacino di voti. Meglio rifare Albate, Sagnino e prima ancora Pasquale Paoli ed inaugurarli poco prima delle elezioni. Ma almeno le passate amministrazioni non ti chiedevano il pagamento delle utenze, cosa pretesa dalla precedente amministrazione. Questo va detto ed è bene che lo si sappia, aggiungi quello che si è detto su alcuni personaggi ed il piatto è serv8to. Speriamo almeno che non facciano sparire del tutto la matricola Figc.
Il giorno 25/06/2019 alle ore 17.00 veterano50 ha scritto...
CommentoCiao se fanno la fusione la matricola cambia, ma non credo sia per la prossima stagione.
Il giorno 26/06/2019 alle ore 16.14 fernando1 ha scritto...
CommentoTufano forever.................
Per commentare devi essere registrato.
Se hai già un account puoi accedere con i tuoi dati.
Se sei un nuovo utente puoi registrarti su lariosport.it.
Navigatore campionati